logo

Annunciazione

Annunciazione1524-25
affresco staccato, 157 x 315 cm
Parma, Galleria Nazionale

Altra opera d’impulsiva beatitudine, questo affresco celestiale dovette essere staccato, già nel 1546, dalla propria allocazione nella chiesa di San Francesco a Parma. Ne seguirono altri danni e vicende. Nella debole visibilità attuale conserva tutta la forza della novità recata dal Correggio al tema dell’annuncio a Maria. L’attentissimo padre Giuseppe M. Toscano, autore di quattro volumi su La vita e la missione della Madonna nell’Arte, fa rilevare che “fu il Correggio nel 1525 a lanciare l’innovazione del cielo che invade la camera della Vergine, e l’angelo vi penetra inginocchiato sulle nubi; in pochi anni questa Annunciazione trionfale, che unisce il cielo alla terra, fu l’Annunciazione di tutta Europa”.
Si noterà che una “delegazione celeste” accompagna l’arcangelo, quasi in rappresentanza di tutti i cieli, e che il volante annuncio di Gabriele è già in simultanea invasione con quella dello Spirito Santo – in forma di colomba entro la luce d’oro – su Maria. Il Correggio celebra così, in un solo attimo e nell’unità del moto, l’evento più grande della storia e la letizia dell’universo.

Date: Novembre 14, 2013