logo

Deposizione di Cristo

Deposizione di Cristo1511 c.
affresco staccato, diam. 150 cm
già nel pronao della basilica di Sant’Andrea in Mantova, ora al Museo Diocesano

I due tondi affrescati nelle testate dei bracci laterali del gigantesco pronao di Sant’Andrea, benché consunti dal tempo, mostrano un Correggio già forte nella declamazione, e capace di reggere alla solennità albertiana dell’eccezionale monumento. Più dolce, benché egualmente articolato, quello con la Sacra Famiglia, santa Elisabetta e san Giovannino, il cui gruppo è posto contro un invaso d’empireo. Decisamente drammatico – congestionato e fratto – quello con la Deposizione di Cristo, dove affresco e sinopia rovesciano dall’alto il collabente corpo di Gesù, spezzato da uno scorcio davvero temerario, e dominato dal lancinante grido della Maddalena. È la prima Maddalena del Correggio!
Il disegno di New York mostra dappresso il personaggio che, con il suo infinito amore appassionato, accompagnerà e determinerà i passaggi fondamentali della carriera del suo autore: qui artista ormai grande.